CIRCOSCRIZIONI

Quegli inutili no:
e se le abolissimo?

07/02/2018 14:12

Tutte le Circoscrizioni (salvo una che non ha votato perché molti consiglieri avevano preferito starsene a casa) hanno bocciato il bilancio comunale 2018.

Non succederà assolutamente niente, salvo un po’ di propaganda.

Era capitata la stessa cosa un anno fa, con la giunta Tosi.

Allora, Marco Padovani, che era all’opposizione, aveva detto che quello era “l’atto finale di un’amministrazione allo sbando, con maggioranze che si stanno frantumando in pietrisco”.

Adesso, Marco Padovani, che è in giunta, spiega che è tutta colpa del sistema elettorale.

E’ il gioco delle parti, nessuno faccia finta di scandalizzarsi, per favore.

Piuttosto sarebbe utile riflettere: se le Circoscrizioni votano contro la delibera più importante dell’anno e non succede niente di niente, non sarebbe il caso di chiedersi se quei rissosi e sempre più inutili parlamentini vadano magari aboliti (e lo scrive, con malinconia, uno che aveva molto contribuito a crearli)?


 
  • Norberto

    il 08/02/2018 alle 09:05
    Nessuna delle ragioni che hanno contribuito a creare le circoscrizioni è ancora valida. Si abbia dunque il coraggio di abolirle, a costo di subire le critiche stupide di qualche nostalgico.
     
INFORMAZIONE SULL'UTILIZZO DEI COOKIE PER QUESTO SITO. L'utilizzo dei cookies è finalizzato a rendere migliore l'esperienza di navigazione sul nostro sito. Se continui senza cambiare le tue impostazioni, accetterai di ricevere i cookies dal sito che stai visitando. In ogni momento potrai cambiare le tue impostazioni relative ai cookies: in caso le impostazioni venissero modificate, non garantiamo il corretto funzionamento del nostro sito. Alcune funzioni del sito potrebbero essere perse, non riuscendo più a visitare alcuni siti web. Per saperne di più, leggi l'informativa completa qui
ACCETTA